domenica 12 aprile 2015

Monte Prama, 1977-1979: gli scavi

vd. I parte, vd. II parte

Dopo gli scavi Bedini-Ugas (3-16 dicembre 1975), quello lampo di Lilliu (8 gennaio 1977), il recupero dei due busti nel novembre 1977 e l'accesa diatriba che seguì tra Soprintendenza e "Comitato per la tutela dei beni culturali" dell'Università di Cagliari, iniziò il primo scavo co-diretto da CarloTronchetti (Soprintendenza) e da Maria Luisa Ferrarese Ceruti (Università di Cagliari). Lo scavo occupò le prime 3 settimane del dicembre 1977 (1).


Fig. 1 (modificata da (2))


sabato 11 aprile 2015

Il tetragramma in Egitto

Fig. 1: 4 geroglifici che  formano il nome/toponimo Yhw(u) in documenti egizi; se ne conoscono 3 esempi certi del XIV e XIII sec. a. C.: a. Lista topografica nella sala ipostila del tempio di Amenhotep III a Soleb, in Nubia (ca. 1370 a.C., colonna IV: vd. fig. 2 per una riproduzione); b. una stele sempre da Soleb (n. II 69);  c. Lista topografica su un fregio del tempio di Ramesses II ad Amara ovest (sempre in Nubia, ca. 1250 a.C.): in quest'ultimo caso il falco (ger. G43, complemento fonetico W o U) viene sostituito dall'avvoltoio (ger. G1 = 'aleph)  (1). In a. e b. il nome viene quindi letto YHW o YHWU mentre in c. YHW'a, ma le formulazioni sono considerate intercambiabili (1).  Secondo alcuni studiosi il tetragramma egiziano sarebbe un esatto parallelo, anche se non foneticamente identico,  del tetragramma biblico (2), ma non c'è accordo generale (1)

Khonsu duplex

Statua in basalto del dio lunare Khonsu, 1185-1145 a.C. circa. (epoca di Ramesses III, XX dinastia). Il dio è rappresentato con il viso da falco, come Horus, e con seni femminili. Tempio di Khonsu a Karnak, Egitto. Da questo sito

martedì 7 aprile 2015

Let's dance (?)

Fig. 1: Tre figure antropomorfe (due in alto e una in basso) rappresentate nella chiesa  di Santa Maria Maddalena a Chiaramonti (Sassari) (in precedenza: Santa Maria de Orria Pithinna) Da: G. Piras, Le epigrafi, i segni lapidari e i graffiti, in: Orria Pithinna. La chiesa, il monastero, il villaggio. 800 anni di storia, in M. MILANESE (a cura di), QUAVAS (Quaderni del Centro di Documentazione dei Villaggi Abbandonati della Sardegna), 3, All'Insegna del Giglio -Firenze, 2012

lunedì 6 aprile 2015

Corni e corniformi

Fig. 1: sin, da: Leonelli, V., I modelli di nuraghe e altri elementi  scultorei  di Mont'e Prama, In:Le sculture di Mont'e Prama-Contesto, scavi e materiali, a cura di: M. Minoja & A. Usai, Gangemi Editore, 2014, pp. 263-292; dx., Da: Usai, L. e Leonelli, V., Le sculture in mostra, In:Le sculture di Mont'e Prama-La Mostra, a cura di: L. Usai, Gangemi Editore, 2014, pp. 235-254


Fig. 2. Da: Usai, L. e Leonelli, V., Le sculture in mostra, In:Le sculture di Mont'e Prama-La Mostra, a cura di: L. Usai, Gangemi Editore, 2014, pp. 235-254. Per altri esempi di "cordicelle" avvolte su corna nuragiche si vedano i seguenti link: http://monteprama.blogspot.it/2014/09/un-impossibile-storia-damore.html
http://monteprama.blogspot.it/2014/06/il-primo-bronzetto-di-e-borowski-e-le.html
http://monteprama.blogspot.it/2014/06/corna-nuragiche-al-bible-lands-museum.html




Tre sculture in pietra calcarea


Fig. 1. La testa calcarea di Monte S. Giovanni di Viddalba (SS), vista da diverse angolazioni; è conservata al Museo Sanna di Sassari. Immagini dal forum SardegnaIsland

domenica 5 aprile 2015

Buona Pasqua

BUONA PASQUA A TUTTI
Il "timpano di un tempietto" rinvenuto nel pozzo sacro nuragico di Genoni (OR)- sito archeologico di Santu Antine. 

E adesso buon appetito!

mercoledì 1 aprile 2015

Un pozzo Romanico del XXI secolo, però del ...1949 (e falso)

di Stella del Mattino e della Sera

Caro collega Gianfranco Pintore,
grazie a inaudite rivelazioni siamo oggi in grado di svelare i retroscena di una vicenda incresciosa e quanto mai confusa (fuzzy).
Logicamente: in esclusiva assoluta che altrimenti non c'è ritorno d'immagine e conseguente guadagno.
Vedrete che alla fine tutti saranno in grado di comprendere il titolo-macedonia del post.

Dove vogliamo cominciare? Dal principio diranno i nostri piccoli lettori! Però cari bambini il principio principio non lo conosciamo; facciamo che iniziamo dal 4 Giugno 2014 quando Gigi Sanna & Stefano Sanna scrivono un post che si intitola: Mistras di Cabras. Il magnifico pozzo (באר) sacro scritto di Yabal Yan'a Toro della Luce. 
Già che la laguna di Mistras è contesa tra naturalisti e surfisti, ci mancava solo un pozzo della discordia.

Niente: come reagisce il mondo archeologico? Di getto, con le parole ispirate di una giovane archeologa di Cabras, sulla pagina faccialibro del blog: