sabato 19 aprile 2014

Buona Pasqua con una poesia (..per tacer delle pollastre)

A tutti i nostri autori e lettori, tanti auguri di cuore per una felice Pasqua, dalla redazione di Monte Prama (qui sopra eccezionalmente in costume pasquale)

Nanni Falconi ci fa invece gli auguri in un modo speciale con una sua bella poesia, tradotta in italiano da Maria Esposito (vd. qui sotto). Ancora auguroni a tutti! MP

Si m’aias leadu comente so 
de Nanni Falconi

Si m’aias leadu comente so
Si m’aias leadu a manu tenta
comente t’aia suspiradu,
si m’aias mantesu istrintu a tie
a sa bratzeta in sa passizada, si carignos
m’aias dadu fintzas a t’istracare sas manos,
si sos basos fiant istados dados in sa gianna
a mangianu chitzo, pro mi saludare
in antis de mi nch’essire
a traballiare,
si m’aias cun sas lavras tuas suspiradu:
“istimadu”
mi nche fia onni die nche astore in chelu boladu.

Se mi avessi amato per quel che sono,
se mi avessi dato la mano
come speravo,
se mi avessi stretto a te,
sottobraccio a passeggio, se mi avessi
accarezzato sino a stancarti le mani,
se mi avessi baciato sull'uscio, 
al mattino presto, per salutarmi
prima di andare al lavoro,
e se le tue labbra avessero sospirato
“amore mio”
ogni giorno sarebbe stato il paradiso.