domenica 30 giugno 2013

La visione immaginifica sugli antichi



Il tempio funerario del re Mentuhotep II  (2061-2010 a.C.) a Deir el-Bahari. Sullo sfondo si intravedono parte del tempio della regina Hatshepsut (1479-1458 a.C.) e del tempio di Thuthmosis III (1479-1425).

Questo post mi è stato ispirato da una discussione su facebook, sul tema "plausibilità di una ricostruzione". Non c'entra nulla con lo specifico di quanto si stava discutendo, ma mi ha fatto ripescare dalla memoria questo soggetto: il tempio funerario di Mentuhotep II, ciò che manca sulla piattaforma superiore e come è stato ricostruito dagli studiosi.

sabato 29 giugno 2013

Foto del giorno: le barche mortuarie di Abydos e la forma bi-fallica


A sin., alcune delle monumentali 14 barche mortuarie di Abydos, ca. 3050 a.C., faraone Hor-Aha, lunghe dai 18 ai 25 metri. Sarah Rich (Università di Leuven) ne rileva sia la forma incontestabilmente fallica, o meglio bi-fallica, sia il numero (quattordici) che la studiosa ritiene connesso al mito di Iside e Osiride,  sia la presenza di colore giallo sugli scafi, colore solare legato alla luce e alla rinascita: 

venerdì 28 giugno 2013

San Giovanni Sinis 12 Luglio

# Gigi Sanna e il codice nuragico

di Gigi Sanna

Venerdì  12 Luglio alle ore 18.00 amici, appassionati e studiosi di archeologia e di epigrafia nuragica si incontreranno per osservare (e ammirare) le iscrizioni nuragiche 'protocananaiche' e i geroglifi egiziani rinvenuti nel mese scorso in una delle pareti della cosiddetta 'Sala da Ballo' di San Giovanni del Sinis (Santu Giuanni 'e Sinnis) e nella parete rocciosa nei pressi della spiaggia a mare aperto. Sempre nella stessa San Giovanni. Durante l' escursione si commenteranno brevemente i 'segni' incisi e si discuterà su di essi. Ma ci sarà un'altra sorpresa. La prof. Graziella Pinna ci parlerà di Funtana Meiga (luogo non distante dalla 'Sala da Ballo') e ci spiegherà perché in lingua sarda si chiama così. Si conoscerà così una cosa unica e meravigliosa che sono in pochissimi a conoscere. Tharros (oggi Santu Giuanni) era veramente, come dicono le fonti letterarie, la 'città delle meraviglie'.

Ricordiamo che l' incontro è aperto a tutti, tanto più che è all'aperto!

giovedì 27 giugno 2013

Il rame

di Giorgio Valdès

L’introduzione della lavorazione del rame in Sardegna si fa risalire al 2800/2700 a.C. circa e pertanto in corrispondenza della fine del neolitico recente e della cultura di Ozieri.
I Pelasgi chiamavano il rame pacur o bacur, parole che non presentano alcuna affinità con il termine sardo ràmini o con quelli in uso tempo fa, come: ràmine, arramini, ramu (dal vocabolario del canonico Giovanni Spano), ma che possono invece ricollegarsi alla parola tardo latina cuprum (precedentemente chiamato aes), che rimanda all’isola di Cipro, uno dei più importanti luoghi di estrazione, talché i romani usavano chiamare il metallo proveniente da quell’isola come aes cyprium o aes cuprum.
E’ opinione diffusa, specie tra i cultori del “classicismo ad ogni costo”, che la parola rame origini dal latino parlato aramen, a sua volta derivato dalla citata parola aes.
Ma a parte la radice aes, da dove è saltato fuori il suffisso ramen?
Non solo, ma è credibile che i sardi, i quali conoscevano questo metallo e la sua lavorazione quanto meno dagli inizi del terzo millennio a.C., non gli avessero assegnato alcun nome, aspettando che fossero i latini ad attribuirglielo, più di 2000 anni più tardi ?

martedì 25 giugno 2013

Le fortune del proto-sinaitico: i primi passi.

di Atropa Belladonna

La prima iscrizione in alfabeto proto-sinaitico la scoprì Edward Henry Palmer nel 1868 (1), oggi è classificata come "SINAI 348". Palmer ne fece un disegno (Figura 1) ed un calco (oggi conservato al British Museum). L' iscrizione è andata perduta, non sappiamo neppure con esattezza se fosse su una roccia o su qualche altro supporto. In base al calco, Gardiner  cambiò in alcuni tratti il disegno di Palmer e la pubblicò nel suo lavoro del 1916 (2a).
Figura 1: la prima iscrizione di proto-sinaitico descritta nel 1868 da Palmer (a sin. il suo disegno), dal sito minerario di turchese di Wadi Magara (1). Al centro il disegno, modificato in base al calco dello stesso Palmer, eseguito da Gardiner (2). A destra, una mappa della regione, nel Sinai, da questo sito

lunedì 24 giugno 2013

Cantu nos mancas Gianfrà!!!

Semus sardos solu pro bolontade
de Nanni Falconi

S’iscola italiana de Sardigna, chi nos leat cando intramus in s’edade de comintzare a pensare, nos faghet tzitadinos italianos a su versu de sardos. E tando bi cheret una bolontade de abberu manna a nos nche torrare a su caminu deretu, a diventare tzitadinos sardos. Deo m'ammento bene de cando in cuss’iscola m'imparaiant sa mannosia de Roma e de sa paga cosa de s'istòria de sa Sardigna. B’apo crètidu fintzas a mannu a cussu chi aia imparadu; comente sa parte manna de sos sardos creo.

Sos fraigadores de sos nuraghes no ischiant iscrìere, naraiant sos mastros nostros, e nos naraiant puru chi s’istòria e sa tziviltade de s’òmine comintzat cun s’iscritura, e chi duncas semus istados barbaros fintzas chi non nos ant agiuadu sos romanos e nd’essire dae s’iscurigore. Nois sos iscolanos, chi no aiamus mèdiu de nd’ischire de prus dae babbos nostros, bi creiamus.
E gasi semus crèschidos chene istòria  peruna e cun sas cumbintzione chi sos sardos no aiant fatu mai nudda de aficu, a banda cussos nuraghes chi l’ischiant issos chie los aiat arritzados. 
Bisongiat puru de nàrrere chi pro cussos mastros de tando, comente sos prus de sos de como, sos nuraghes, sas tumbas de zigantes e totus sos àteros monumentos pesados in Sardigna, sunt solu moderinas de pedra.

domenica 23 giugno 2013

...gasi s'iscurigore at a èssere sa lughe, e sa chietesa sa dansa

by T.S. Eliot
tràmudu de Nanni Falconi
I.
S'agabbu meu est in s’inghitzu meu. In su tempus
Verso dalla parte III (ndr)
Sas domos si fraigant e nde falant, nde ruent, benint ismanniadas,
Benint imboladas, destruidas, acontzas, o a su postu issoro
B'at unu campu abertu,o unu fraile, o unu bìviu.
Dae sa pedra betza fràigu nou, dae sa linna beja fogos noos,
Dae fogos betzos a chinisa, e dae sa chinisa a terra
Chi est giai petza, pedde e ledàmine,
Ossos de òmine e de bèstia, camba de trigu e fògias.
Sas domos bivint e morint: b'at unu tempus pro fraigare
E unu tempus pro campare e pro figiare
E unu tempus pro chi su bentu chimentet su balcone iscancaradu
E pro iscutinare su batiscopa in ue su sòrighe de campu trotat
E pro iscutinare s'aratzu lizinidu intèssidu cun d'unu silentziosu dìciu.

venerdì 21 giugno 2013

PICCAPERDERIS

de Francu Pilloni

Gustave Courbet - Scalpellino
Seu seguru chi no fut su satu nostu; no seu seguru chi essit Mikkelj sa cumpangìa. Fuaus andendi e arraxonendu de nosu e no di atiri: mi premiat a fai a cumprendi a Mikkelj chi deu seu …, ita hia a podi nai?, evasivu. Sì, in su sensu chi mi praxit a evadiri, a mi fuìri de sa realtadi, candu su mundu chi seu bivendu mi parrit troppu strintu. Po nai, deu no hia a podi essi stetiu mai una locomotiva, unu chi andat e currit sempri po totu sa vida de innoi a inguddeni, passendi sempri in is proprius logus, firmendu e torrendu a movi a cumandu: si m’essit accuntessiu, hiap’ a essi stetiu una locomotiva trista e disastrosa!
Custu bolia fai a cumprendi a su cumpangiu de camminada in su satu chi no fut su miu, inconnotu, forzis su satu de sa bidda de Mikkelj chi no sciu cali siat. De su restu, no connosciu mancu a Mikkelj, no dd’hapu mai biu, mai ind’hapu intendiu sa boxi, mancai scipia tantis cosas de issu po hai liggiu su chi scrit. No ddu bidìa in facci mancu in su bisu, ma mi ddu figurà artu e langiu, cun sa chistionada tranquilla chi mancai ti andat avatu comente unu cani sighit su lepuri sene attochidai.

mercoledì 19 giugno 2013

Egitto e Sardegna: da quanto tempo? I parte

Questo post e quelli che presumibilmente vi faranno seguito, conseguono alle notevoli considerazioni di Mikkelj Tzoroddu, nel post "Navi sarde ed egizie. Collegamenti?". Nasce l' esigenza di mettere insieme osservazioni frammentarie raccolte in questi ultimi anni assieme a Romina ed altri amici: vediamo se esce, alla fine, un quadro di qualche rilevanza. 

1. Equivalenza fonetica e simbolica  Fallo-Toro-Ka

Fig1a. Le varianti di scrittura del nome del faraone Kaka(w(Reneb, II dinastia). La terminazione w (plurale) viene ottenuta in un caso utilizzando 3 volte il geroglifico D52, in un altro usando semplicemente 3 lineette. 

martedì 18 giugno 2013

Quei medicastri nuragici della Prisgiona

di Stella del Mattino e della Sera

Mi spetta sempre di pelare le gatte.
Arrivatami via etere da Atryx la seguente nota, annotata dalla nota 36 di pagina 102 di "Simbolo di un simbolo. I modelli di nuraghe".*
Parlasi ivi di un vaso dal nuraghe La Prisgiona di Arzachena. Esso fu in passato mela della discordia e arrivò al ministro Bondi mercè la petizione sulla scrittura nuragica.
Mostrolo  in disegno naturalistico di G.S. con i "segni forti" evidenziati da una parte, che è la destra:
Ecco come gli Ermeneuti rendono il racconto per immagini. "E' probabile che, più che per la preparazione di un decotto il recipiente servisse ad ottenere una sorta di antidoto contro il veleno (indicato dal serpente) ottenuto forse con una pianta particolare (un papavero come quello riprodotto) inebriante e funzionale a non far sentire il dolore."*

Che è altresì strano perchè in Sardegna non esistono i serpenti velenosi. 

lunedì 17 giugno 2013

Il solstizio estivo e l' archeoastronomia

L' associazione Agorà nuragica organizza incontri dedicati all' archeoastronomia, in prossimità del solstizio d' estate. Gli ‘Aperitivi di Archeoastronomia’  si terranno  nelle serate di giovedì 20 e venerdì 21 giugno 2013, all’ex liceo Artistico di Piazzetta Dettori a Cagliari e  si concluderanno con la gita archeoastronomica di sabato 22 e domenica 23. 
Per maggiori informazioni e prenotazioni visitare questa pagina

domenica 16 giugno 2013

La spinta propulsiva

di Nanni Falconi


La guerra per il sardo non va più fatta in retroguardia, sempre con l’idea di salvarla e preservarla, ma in avanguardia e all’attacco. Si, all’attacco perché il nostro presente è fermo nella palude di uno stato che non è capace, non lo è mai stato, di infondere coraggio per andare avanti.
In Sardegna è la lingua sarda il cuore dello sviluppo economico, è da molto tempo che lo si dice.
Lo è perché è anche il cuore dello sviluppo culturale e sociale. Senza questo rinnovarsi socialmente non ci può essere sviluppo economico. Uno sviluppo economico che non può essere calcolato solamente nella ricchezza materiale di una nazione, ma anche nella  qualità di vita della comunità.

sabato 15 giugno 2013

Su bonu acatu

de Efisio Loi
http://2.bp.blogspot.com/-_ZWeq0aLPRg/UPo4aOokiZI/AAAAAAAAAnI/hYQUJSMeCe4/s1600/efisioloi.jpg
1. Cullera non nd’agatu                      6. Chi ndi olis de fruta                        11. Capitend’ e torrari
Faididhu a srubidura                          Unu cunsillu atzeta                            Chi t’arreit su cantrexu
Su pratu at a essi ciatu                       Aintru ‘e cussa ‘ruta                          Ti nd’ia bolliri  ‘onari
Ma dhu at ispistoradura                     Dhu at tanas de preta                        Chi nd’ ingollis de istrexu
Chi nd’at tastau su ‘atu                      Inguni anch’est derruta                      Po ‘ndi podi tastari
Non ti ‘ndi fetzas cura                       Cun passientzia abeta                        Pirotinus de ciuexu
Ca po ti fari acatu                             Ca ndi ‘essit de asuta                        Gei ‘nd’eus a chistionari
Tantis est cosa de fura                       Strecadha a serreta                           A pompa manna e a prexu
A suchitu dh’apu fatu                        Oburu chi est bruta                            De chi no’ andendu mali
Cun  suci de promura                        Cun s’ala de sa fardeta.                     Unu cafeu cun sali.

venerdì 14 giugno 2013

Sprachlos

Da qualche parte, a San Giovanni Sinis, Cabras (OR). Questa scoperta va subito segnalata a chi di dovere  per la sua eventuale autenticazione, salvaguardia, studio. La possibilitá che questi siano geroglifici egizi o una scrittura alfabetica di tipo proto-sinaitico, ancora fortemente legata ai geroglifici egizi, come quelle di Timna, di Gezer e di Wadi-el-Hol, non puó essere trascurata.
Grazie a Stefanno Sanna ed a Graziella Pinna Arconte per la segnalazione, riprendo le foto e la notizia dal suo blog.


giovedì 13 giugno 2013

Foto del giorno: un'altra singolare bipenne

  Particolare decorativo della vecchia cassapanca tradizionale sarda  esposta nell' Ex Palazzo di Città di Cagliari.
 Un grazie all'amico Roberto Serra per la bella foto.
"cassapanca atzarese

martedì 11 giugno 2013

Villamassargia: il 'protocananaico' per un altro santo nuragico della Sardegna

di Gigi Sanna

                                                  Fig. 1                                                                       Fig. 2. Resti del nuraghe

 Nel 2009 è stata rinvenuta in territorio di Villamassargia, nei pressi del Nuraghe Santu Perdu (1) alle porte del paese (v. fig.2), una pietra di arenaria (misure cm 35  x 24  x 10)  recante dei segni di scrittura nella parte superiore e per tutta la sua estensione. Tutte le lettere, disposte su di una precisa  immaginaria linea orizzontale,  appaiono molto chiare, profondamente incise e armonicamente distanziate le une dalle altre. Ma non tutte risultano della stessa grandezza perché tre di esse (v. più avanti) sono molto più piccole.
   Riteniamo che a buon diritto la scritta possa  annoverarsi tra quelle più interessanti per calligrafia e ductus di tutto il corpus della  scrittura nuragica

lunedì 10 giugno 2013

La Mondadori non parla sardo

di Nanni Falconi

Custu articuleddu est una tradutzione dae su sardu. Pro chie lu cheret lèghere in originale, custu est s’acàpiu.

Anche se mi piace sentirlo mentre dice di quanto sia importante il mio lavoro di scrittore in lingua sarda, mi sembra che Roberto Bolognesi abbia esagerato.

Sarebbe stato sicuramente un bene se il leggermi avesse portato i politici sardi al risultato che egli  auspica, ma non credo che il solo leggere “su cuadorzu” li faccia ritornare indietro dal loro sciagurato essere.
Male non farebbe ai nostri politici saper parlare, leggere e scrivere in sardo. Gli dò ragione in questo, li avrebbe portati a una diversa consapevolezza, più mirata al bene dei sardi di quanto non lo sia adesso. Forse non sarebbero stati giorno dopo giorno con la faccia rivolta a Roma, sempre in attesa di chissà cosa.
Gianluca Floris ha scritto un bell’articolo sulla cultura sarda. Dice che essa non riesce a uscire fuori dalla Sardegna per conquistare il mercato globale cosi come fanno le culture egemoni e dominanti.

domenica 9 giugno 2013

Istantanea di un bis da presidente

di Homo Neoliticus

Avevo improvvidamente consigliato al nostro Presidente allora in uscita di transitare alla cronaca come Neapolis-el-Tano, cioè El Tano di Napoli, cosa ingenuamente da me ritenuta a lui gradita in conseguenza di una carriera politica vissuta nel partito dei lavoratori e dei sindacalisti, dato appunto che El Tano era il soprannome di un lavoratore e sindacalista di origine sarda (e dunque legalmente anche italiana), tale Martino Mastinu che fu il primo dei desaparecidos del generale Videla.  Suppongo che al Presidente non giunse mai il mio modesto suggerimento, in caso contrario si può pensare che se la sia risa o forse se la sia presa, perché poteva sembrare che il paragone lo diminuisse. Non lo sappiamo ed è inutile soffermarci  oltre.
Immagine da questo sito
Sicuramente non lo gradirono i lettori del blog che mi rimproverarono l’ardire del paragone, in quanto non c’era nulla da spartire fra un cittadino lavoratore, martire (nel vero senso) della politica, e un signore che di politica ha vissuto sempre, con “piena e vibrante soddisfazione” (come dice Crozza) e piuttosto alla grande. Tanto alla grande, dico io, che non ha resistito a fare il bis, non avendo alcuna remora a smentire decine di sue dichiarazioni in cui affermava che la sua rielezione non era possibile, né auspicabile.

Foto del giorno: l'omega di Fenosu


sabato 8 giugno 2013

Vaso nuragico a Pyla-Kokkinokremos, fine XIII sec. a.C.

Fatto a mano e riparato con piombo di provenienza sarda.  Un frammento di vaso nuragico rinvenuto nel 2010, in un sito archeologico di Cipro sorto alla fine del XIII sec. a.C., Pyla-Kokkinokremos; secondo Vassos Karageorghis una postazione dei Popoli del Mare (1)."A Enkomi ci sono prove di un livello di distruzione risalente al 1200 a.C. circa[..]. A Cipro vennero fondati due nuovi insediamenti fortificati
Mappa, da questo sito
   ma ebbero vita breve), uno nella parte occidentale dell´isola, a Maa-Paleokastro, intorno al 1200 a.C., e un altro a Pyla-Kokkinokremos, vicino alla costa sud-orientale, alla fine del XIII sec. a.C.. Tra i nuovi abitanti dovettero esserci rifugiati provenienti da Creta e anche dal Mediterraneo occidentale: scavi recenti a  Pyla-Kokkinokremos hanno portato alla luce un considerevole numero di grandi vasi da stoccaggio e ceramica sarda. Si tratta della cosiddetta Handmade burnished ware, i cui centri produttori si trovavano nella penisola italiana, in Sicilia e in Sardegna. E interessante notare che i resoconti egiziani mezionano tra i "Popoli del Mare" gli Shekels (Siculi) e gli Shardana (Sardi" (1).

giovedì 6 giugno 2013

Re Tut

di Piero Zenoni


Il libro scritto da Howard Carter, “Tutankamen”, apparve in 3 volumi, il primo datato 1923 (un anno dopo la scoperta della tomba), il secondo nel 1927, il terzo nel 1933. Un libro unico lo pubblicò Phyllis  J. Walker nel 1954, tradotto e pubblicato da Garzanti nel 1973, ristampato nel 1980 in una collana, “Il corso della storia”.
Nelle prefazioni egli parla della XVIII dinastia (1550-1291 a.C.) e del faraone eretico Akhenaton, che chiama Ekhnaton, parla del culto del dio unico Aton, prima ancora di realizzare la sua scoperta. Da sottolineare il fatto che contemporaneamente in Sardegna siamo all’apice della civiltà nuragica, e proprio in questo periodo essa ha avuto molti legami con l’Egitto.

martedì 4 giugno 2013

Navi sarde ed egizie. Collegamenti?

di Mikkelj Tzoroddu

Il 19 dicembre 2012 demmo, qui, il nostro contributo sui contatti fra Sardegna ed Egitto a far data da almeno 5300 anni da oggi. Ritornammo sull’argomento, sempre qui, il 7 febbraio c.a., producendo nuovi indirizzi di ricerca basati su alcuni oggetti-codice di diffusione universale: soldato con armatura e lunghe corna, soldato arciere, arciere cacciatore ed ancora arco e nave.

Ora, i signori Bettina Massidda e Marco Garau, bontà loro, mi hanno fatto avere in prestito il loro libro “Atlantide Sardegna, isola dei Faraoni” del 2006, di P.V. Poddighe. A pag. 28 l’autore fa riferimento al: «[...] particolare della domu de jana numero XIX (necropoli sarda di Montessu dintorni di Villaperuccio, Sulcis) ove vi è raffigurata una nave con altare centrale, simile a quelle dipinte nei vascolari materiali neolitici della cultura di Gerza (Egitto, Naqada II)». 

                      La tipologia vascolare cui si riferisce  Poddighe                  Fig. Montessu 1

lunedì 3 giugno 2013

La "fiasca del pellegrino" per i Nuragici

di Atropa Belladonna

Bitti, complesso cultuale nuragico di Romanzesu. Nei pressi del vano centrale del grande recinto sacrale viene ritrovato un curioso manufatto fittile: il collo di una cosiddetta fiasca del pellegrino che "riproduce con molta precisione la torre di un nuraghe" (1a) (figura 1a).
Su Tempiesu di Orune, fonte sacra nuragica. Nel vestibolo (vano A1) vengono ritrovati due piccoli oggetti in bronzo, due pendenti definiti "fiasche del pellegrino" miniaturistiche (2) (figura 1 b,c). 
Non ci vuole molta competenza anatomica, nè molta esperienza di vita, per capire cosa rappresenta il "collo" del pendente a forma di "fiasca del pellegrino" rappresentato in fig. 1b.

E' un fallo, un organo sessuale maschile: reso in modo più che realistico-seppure a righe (che comunque donano sempre). 

                           
Figura 1. a. Il collo di "fiasca del pellegrino"/modello di nuraghe fittile da Romanzesu di Bitti (1); b e c. Pendenti bronzei a forma di "fiasca del pellegrino" da Su Tempiesu di Orune (2).

domenica 2 giugno 2013

Diario di un week-end, recuperato in rete

di Francu Pilloni

La sera mi s’accende lentamente,
la festa mi si espande internamente
(10° edizione straordinaria),
nulla di nuovo fiuto qua nell’aria.
Gli amici con merende artificiali
si arrendono agli istinti più bestiali
esternati con un verso da cavallo.
È già sveglia la mia cresta di gallo, 
s’inarca dura come pietra calcedonia,
pare insolente coda di una volpe
azzurra come i cieli … di Nuova Caledonia?
(non è da me nascondere le colpe,
ma non so di Caledonia Stagionata
che virerebbe al giallo verso sera).